Caccia a Ottobre Rosso: dieci etichette di rosso da cacciare in cantina

Caccia a Ottobre Rosso: dieci etichette di rosso da cacciare in cantina
Marco Bormolini, Beverfood.com, 12 ottobre 2019

Ottobre è il mese della vendemmia, il periodo dedicato ai grandi vini rossi. Le foglie iniziano a cadere, i colori d’autunno dipingono il paesaggio di sfumature cangianti. Ottobre è uno dei miei mesi preferiti, a tavola ci si diverta tra cacciagione, selvaggina, tartufi e funghi, il vino rosso ritorna protagonista in tavola dopo aver lasciato spazio a prodotti più freschi e bevibili nel periodo estivo. Abbiamo voluto fare anche noi una piccola caccia di ottobre, come nel celebre film vincitore del premio Oscar “Caccia a Ottobre Rosso”, pellicola degli anni ’90 con Sean Connery e Alec Baldwin, da cui è ispirata questa carrellata. Al posto di sotto-marini e da spies stories in piena guerra fredda, i protagonisti del nostro pezzo sono dei grandi vini rossi tutti da cacciare. Vitigni autoctoni, blended, vini di provenienza di alcune delle migliori zone d’Italia ma non solo, visto l’ottimo lavoro di importazione che stanno facendo sul territorio alcuni distributori che stanno portando su tutto il territorio nazionale i migliori vini del mondo. [...]

INFERNO SESTO CANTO ARPEPE
In Valtellina sono abituati a regalare dei piccoli capolavori a base di Nebbiolo delle Alpi. Ecco il Sesto Canto, direttamente dall’Inferno dantesco, dove si narrano le pene inflitte ai peccatori di gola. Il paesaggio è tormentato dalla pioggia eterna, siamo nel terzo cerchio, come la vigna di Ar.Pe.Pe a 450 metri di quota, sul terzo tornante della strada denominata “Circuito dell’Inferno”. Strade che videro protagonista anche l’indimenticato Arturo, il papà di Ar.Pep.Pe, in numerose edizioni della Coppa Valtellina di Rally, l’altra sua grande passione insieme al vino, che lo portò a sognare una Riserva di Inferno che celebrasse la potenza, il ruggito, il boato di una terra aspra che lascia senza parole. Nel 2009 hanno deciso che era giunto il momento di dare vita al suo sogno: Valtellina Superiore Inferno Riserva Sesto Canto DOCG. Annata super, tannini graffianti, lungo affinamento in botti di castagno, un vino tonante come la voce grossa di un canto solenne.